Il maestro del pugno in faccia

March 15, 2017

Immaginate di raggiungere l’apice della carriera, quello che avete sognato fin da bambini, ed improvvisamente perdere tutto in un attimo. È quello che è successo ad un caro amico ormai anni fa.

 

Durante il suo primo anno di Serie B di calcio, dopo anni di gavetta in tutti i più brutti campi d'Italia, si è infortunato gravemente durante la seconda partita da titolare. Un infortunio bruttissimo, che gli è costato la stagione e quindi la riconferma.

 

Era depresso, non parlò con nessuno, amici o parenti per un paio di settimane. La sua vita era cambiata per sempre. Fine carriera. Accettò con riluttanza di parlare ad un incontro sulla leadership a cui lo invitai.

 

L'aula lo ascoltava incredibilmente attenta mentre parlava di quella sventura. "Sembrava avesse registrato su una videocassetta emozioni, suoni, la frustrazione di quel momento" disse uno dei manager che lo ascoltavano.

 

Quella sera, a quel corso, imparai una lezione preziosa nel vederlo dapprima riluttante e successivamente emozionato, quasi sorpreso dell'attenzione ricevuta e della profondità del suo messaggio.

 

Quando un qualsiasi fallimento ti abbatte, ti senti depresso e senza via d’uscita, devi assolutamente alzarti e darti da fare.

 

Quella sera era stata speciale per lui.

 

Quella sera era diventato il maestro del pugno in faccia.

 

 

Negli anni ho avuto il grande privilegio di allenare e lavorare con le più incredibili compagnie di vendita, e per me le vendite sono uno dei migliori esempi dell’importanza di agire quando le avversità si abbattono su di noi.

 

Come venditore, infatti, sentirai molti più “no” che “sì”. Per molte persone questo è di per sé duro da accettare. Diciamolo, a nessuno piace il rifiuto. Il venditore medio detesta la sensazione che prova quando gli viene detto di “no”; quindi questa persona finisce col fare meno telefonate, visitare un numero minore di possibili clienti e fare giusto il necessario per tenersi il posto di lavoro.

 

Sfortunatamente questo non vale solo per i venditori, ma anche chiunque altro può subire questa reazione alle avversità.

 

Dall’altra parte della barricata ci sono quei venditori che continuano a fare sempre più soldi nonostante quanto l’economia vada male. Il valore che queste persone portano sia nel mercato che alle loro aziende è impressionante. Tutti chiedono a questi venditori come facciano, aspettandosi una formula magica o un segreto invincibile come risposta; ma in realtà questi venditori non stanno facendo null’altro che agire massicciamente, anche quando diventa dura.

 

I migliori venditori hanno capito che se il giorno prima facendo 30 telefonate hanno ricevuto 30 “no”, dovranno farne 60 il giorno successivo per avere quel “sì”.

 

Aumentare l’azione nelle avversità può essere davvero il tuo cambio passo. Ti porterà a risultati molto migliori rispetto allo scegliere la strada più facile. Quando aumenti l’azione e il lavoro, aumenti anche le possibilità che un’opportunità ti si pari incontro.

 

É quasi impossibile sconfiggere chi ha la volontà di rialzarsi ogni volta e tornare a combattere. Per quanto un fallimento possa essere devastante o per quanto ti abbia messo nei guai, se ti riprometti di non accettare compromessi e di non fossilizzarti, i fallimenti e i momenti difficili della vita non riusciranno ad infilarti nella scatola della mediocrità che paralizza così tante persone e le allontana dal realizzare le loro doti innate.

 

Molte delle persone di maggiore successo al mondo non hanno necessariamente più talento di altri, ma non hanno mollato quando hanno preso qualche pugno in faccia.

 

Qualsiasi cosa succeda, non smettere di muoverti. Alla fine, la morale che sta nell’aumentare l’azione è quella di riuscire ad ottenere il completo controllo su ciò che arriverà.

 

Spesso quando le persone subiscono un grosso fallimento, si siedono e aspettano che la vita capiti loro. In fine capiscono che questo modo di vivere non porta a niente.

 

Il mio amico non sapeva che parlare all’evento sulla leadership dopo l’infortunio lo avrebbe portato ad un nuovo scopo o che lo avrebbe aiutato a vedere l’avversità sotto una luce differente, ma così accadde. E solo perché prese la decisione di alzarsi dal letto, smettere di sentirsi dispiaciuto e di iniziare a muoversi.

 

Una cosa di cui hai bisogno più di ogni altra quando una sconfitta ti abbatte è l’autostima. Gettarsi nella mischia, agire, fa esattamente questo: aumentare l’autostima. Il fallimento per molti diventa come una tomba. E la paura di un nuovo fallimento cresce così forte che ogni possibilità di iniziare nuovamente si allontana sempre più. La voglia di inseguire un sogno o una passione si assottiglia.

 

Il fallimento combinato con l’inazione è così letale da rubarti la voglia di fare ogni sforzo che abbia un senso. Una delle migliori cose che puoi fare per te stesso in questo momento è decidere che non aspetterai che le cose siano perfette, perché non lo saranno mai.

 

Uno dei modi più infallibili di cambiare come ti senti è darsi da fare! 

 

  

 

LUCA GRASSI Dopo 15 anni come imprenditore nel 2004 inizia la sua formazione con una primaria azienda a carattere nazionale mettendo a frutto una proficua esperienza nel campo della formazione delle risorse umane e consulenza direzionale. Fino a quando nel gennaio 2009 decide di tornare a fare l'imprenditore come Temporary Manager e fonda il progetto CONCORDIA SAS grazie all'unicità di partner e collaboratori che ne determinano la crescita. 

Attualmente formatore ufficiale di Elite Academy.

 

 

Se hai trovato questo articolo interessante iscriviti al blog oppure guarda il nostro prossimo corso di CHANGE MINDSET: COME CAMBIARE QUANDO CAMBIARE E' DIFFICILE!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Iscriviti al Blog

Rimani sempre aggiornato e formato!

 

ISCRIVITI AL BLOG

Post in evidenza

50 citazioni per ispirarti al meglio

March 25, 2018

1/10
Please reload

Post recenti
Please reload

Cerca per tag