Come scrivere il tuo CV EFFICACE

March 10, 2017

Mentre sei in cerca di lavoro la tua sicurezza finanziaria, le tue risorse, e le tue ambizioni professionali sono messe in gioco. Di fronte a queste montagne, molto poco è sotto il tuo controllo. Senza dubbio il processo fa sentire sopraffatti.

 

Un modo di ridurre lo stress da ricerca di lavoro è concentrarsi sugli aspetti del processo che puoi controllare. Uno di questi sta nel proporre un curriculum di alta qualità.

 

Ecco alcuni errori da evitare per scrivere il tuo CV efficace.

 

 

Sviluppare un CV che ti faccia notare sta per metà nello scegliere le parti da includere e per metà in quelle da scartare. Evitando di commettere questi errori comuni, migliorerai la qualità del tuo CV e aumenterai le possibilità che la tua candidatura scali la vetta della pila.

 

ERRORE #1. Enfatizzare il compito piuttosto che il risultato.

Che ci fanno quei bullet point sotto ad ogni esperienza lavorativa? Non dovrebbero essere letti come una lista dei compiti giornalieri, al contrario dovrebbero enfatizzare il tuo impatto su quei compiti.

 

Che cosa hai raggiunto in ogni ruolo? In che modo le tue responsabilità quotidiane hanno aiutato a fare soldi o risparmiarne, aumentare l’efficienza, risolvere un problema, migliorare l’acquisizione o il mantenimento dei clienti, o in altre parole a migliorare l’azienda?

 

Se vuoi che il tuo CV risalti, devi andare oltre alla lista dei compiti ed evidenziare i risultati che ti rendono una risorsa di valore. 

 

ERRORE #2. Formato sbagliato.

Un formato sbagliato può far scartare il tuo curriculum per una serie di motivi:

•        Font non omogenei, spaziatura, o formato (es. grassetto per alcuni titoli di lavoro e non per altri), trasmette mancanza di attenzione ai dettagli.

•        Caratteri stranamente grandi o piccoli possono disturbare il lettore.

•        Pagine intere di testo rendono difficile una rapida lettura. (E la maggior parte delle persone che leggerà il curriculum darà prima una rapida occhiata).

•        Il formato in cui salvi il CV può influire sulla leggibilità. Se lo spedisci come allagato email, assicurati di averlo salvato come PDF, in modo da non perdere la formattazione quando viene aperto. Se lo stai inviando tramite un programma ATS, salvalo come .doc o .txt per ridurre il rischio che il CV venga respinto dal sistema.

 

ERRORE #3. Non cucire su misura il curriculum sull’offerta di lavoro.

Prendere del tempo per aggiustare il tuo CV dimostra l’interesse per la posizione. Può essere manifestato in molti modi:

•        Se le istruzioni per la candidatura richiedono di includere certe informazioni nel curriculum, assicurati di averle scritte.

•        Non includere informazioni irrilevanti. Se ti stai candidando per un lavoro nella finanza, ad esempio, quell’esperienza da pony pizza negli anni ‘80 non merita di essere inclusa.

•        Utilizza le parole chiave della descrizione della posizione, o della compagnia, per evidenziare la tua compatibilità con il ruolo.

•        Assicurati che i risultati più rilevanti siano nella parte iniziale del CV, così che saltino subito all’occhio quando il manager delle risorse umane passa in rassegna la pagina.

 

“Una delle migliori strategie per far risaltare il tuo CV è quella di cucirlo su misura sul lavoro che è nel tuo obiettivo”, suggerisce la scrittrice di CV professionali Rebecca Henninger. “Questo vi dà una marcia in più sugli altri candidati che mandano un curriculum generico a centinaia di aziende.”

 

ERRORE #4. Includere il tuo indirizzo.

Era pratica comune inserire il proprio indirizzo in cima al CV. Tuttavia con la mobilità lavorativa di questi giorni, non è più considerato necessario.

 

Anzi, scrivere il tuo indirizzo potrebbe danneggiarti. Se ti candidi per un lavoro all’estero, lontano da casa e includi l’indirizzo, il tuo resume potrebbe essere escluso a priori. Lascia solo numero di telefono e indirizzo email.

 

ERRORE #5. Errori di ortografia e grammatica.

Gli errori grammaticali o di ortografia possono sembrare relativamente innocui rispetto ad una lista di risultati lavorativi, ma sono campanelli d’allarme per i selezionatori. Questi errori segnalano una mancanza di attenzione ai dettagli e un errore nel gestire un lavoro d’eccellenza.

 

Usare il controllo ortografico non è sufficiente ad assicurare di aver scritto tutto correttamente. Ad esempio “esperto di relazioni pubiche” non viene segnalato come errore, ma sicuramente è qualcosa che vuoi evitare di scrivere.

 

ERRORE #6. Mentire.

Sembrerà assurdo da ricordare, ma ogni responsabile delle assunzioni può raccontare di aver trovato mezze verità, o vere e proprie bugie nei curriculum. Non commettere questo errore. Ti si ritorcerà contro. Anche se riesci a farti assumere, dimostrerai rapidamente di non avere le capacità che hai dichiarato.

 

Anche se si tratta di un errore in buona fede, includere informazioni non corrette nel tuo CV può portare il selezionatore a scartarti. Suggerisce che non sei scrupoloso nei dettagli e mina la tua credibilità sullo svolgere un lavoro di qualità.

 

ERRORE #7. Includere la frase: “Referenze disponibili a richiesta” in fondo al CV.

Non ti abbattere se sei caduto in questo errore: questa dicitura era una frase standard in passato. Ad oggi però è considerata un’aggiunta non necessaria. I datori di lavoro danno per scontato che tu abbia le referenze disponibili, non c’è bisogno di specificarlo. Commettere questo errore porta a pensare che tu non sia aggiornato sull’etichetta da adottare nello scrivere il curriculum.

 

ERRORE #8. Iniziare con gli studi.

Se ti sei appena laureato o sei nuovo nel mondo del lavoro, ignora questo consiglio.

Altrimenti, descrivi i tuoi risultati lavorativi prima dei tuoi studi. I selezionatori sono più interessati alle tue capacità operative che ai tuoi diplomi. Tieni le informazioni relative agli impieghi svolti all’inizio del CV.

 

ERRORE #9. Commentare gli impieghi passati.

Magari hai lasciato il tuo lavoro precedente perché un collega ti assillava, o il tuo capo era un idiota completo. Sarà anche la verità, ma includerlo nel tuo curriculum, farà alzare più di un sopracciglio. Niente di quanto scritto sul CV deve far dubitare il selezionatore riguardo alla tua capacità di collaborare con i colleghi, mantenere professionalità, e impegnarti verso l’obiettivo.

 

Ti sorprenderesti nel sapere quante persone cadono in queste trappole. Il che significa che evitando questi semplici errori aiuterai efficacemente il tuo CV a salire in cima alla pila.

 

 

 

LUCA GRASSI Dopo 15 anni come imprenditore nel 2004 inizia la sua formazione con una primaria azienda a carattere nazionale mettendo a frutto una proficua esperienza nel campo della formazione delle risorse umane e consulenza direzionale. Fino a quando nel gennaio 2009 decide di tornare a fare l'imprenditore come Temporary Manager e fonda il progetto CONCORDIA SAS grazie all'unicità di partner e collaboratori che ne determinano la crescita. 

Attualmente formatore ufficiale di Elite Academy.

 

 

Se hai trovato questo articolo interessante iscriviti al blog oppure guarda il  nostro metodo di ricerca e selezione del personale!

 

 

 

Please reload

Iscriviti al Blog

Rimani sempre aggiornato e formato!

 

ISCRIVITI AL BLOG

Post in evidenza

50 citazioni per ispirarti al meglio

March 25, 2018

1/10
Please reload

Post recenti
Please reload

Cerca per tag