Consigli finanziari (errori da evitare testati sulla mia pelle)

February 24, 2017

Commettere qualche piccolo errore finanziario qua e là è comune fra imprenditori in erba. Durante i miei primi anni da imprenditore divenne però un’abitudine e quindi un problema.

 

Per questo ho adottato la filosofia del: “Nel tempo, piccole negligenze portano a vere e proprie crisi finanziarie”.

 

 

Presi singolarmente, gli errori economici che commettevo non erano dei disastri. Sono diventati dei guai quando ho iniziato ad accumulare queste piccolezze l’una sopra l’altra. Dopo aver preso molte decisioni sbagliate, ho amplificato il problema non affrontandolo direttamente. Consideravo il tempo necessario a risolvere questi errori e a organizzarmi diversamente, tempo improduttivo, che non generava utile. Così mi dissi che quando avrei raggiunto il mio obiettivo di profitto, avrei preso qualche giorno o una settimana per riorganizzarmi, migliorare le mie abitudini e chiedere consiglio ai miei finanziatori. Non volevo distrarmi dal fare soldi.

 

Dopo anni che lavoravo in questo modo, gli affari e la vita personale si scontrarono contro un muro. Le mie entrate si appiattirono e il livello di stress raggiunse il massimo. Al contrario del mio ‘io precedente’, non avrei potuto impiegare un grammo in più di energia o voglia per guadagnare di più. Ero esausto e con me anche i miei affari.

 

Ecco alcune delle cattive abitudini che mi sono costate anni per essere riparate e sanate – e come non fare gli stessi errori.

 

1. Non risparmiare per le tasse durante l’anno.

Da giovane imprenditore ero abituato ad andare dritto verso la creazione di business e di profitto. Lavoravo bene sotto pressione e riuscivo a fare soldi velocemente quando era necessario. Sfortunatamente non ho mai superato questa abitudine e diventò una vera e propria dipendenza. Maturando personalmente e professionalmente ho sviluppato ansia e iniziato a mettere un’estrema pressione su me stesso per spingermi sempre più avanti. Fatta eccezione per la meditazione, mi agitavo continuamente. La mia vita era sul tasto “avanti veloce”. Ero ossessionato dal fare sempre più soldi.

 

Intuitivamente sapevo che risparmiare una parte delle entrate settimanali per le tasse, avrebbe portato più tranquillità nei conti e pace nella mia vita, ma sembrava troppo facile. Credevo che se non avessi avuto un motivo per fare soldi sotto pressione, non sarei stato così produttivo. Mi concentravo soltanto su attività remunerative, trascurando completamente una pianificazione strategica delle imposte. Una volta dovetti trovare 40.000€ in due settimane per pagare le tasse.

 

Ama te stesso abbastanza da rispettare il tuo tempo e la tua salute. Ti meriti una qualità della vita sicuramente superiore. Adesso risparmio circa il 30 per cento ogni settimana e lo trasferisco automaticamente su un conto online dedicato alle spese per le tasse. Così quando il mio contabile mi chiama per dirmi quanto devo al fisco, la somma è già in banca.

 

2. Usare il conto per le tasse per pagare i debiti.

Una volta stabilito un piano di risparmio puoi avere la tentazione di usare quella riserva di denaro per l’erario per coprire i debiti della carta di credito. Ricorda che il conto di risparmio dedicato alle tasse ti serve ad evitare di andare in rosso con il fisco. Una gestione aziendale corretta richiede che tu controlli ogni area del business in modo ottimale. Tieni viva in te una visione di prospettiva evitando scelte che risolvano i problemi a breve, aggravando quelli a lungo termine. Una volta ho pagato una ristrutturazione con i soldi accantonati per le tasse superando il budget. Questo errore, non solo comportò un aumento considerevole dello stress e una riduzione del sonno, ma mi ci volle più di un anno per ristabilire un equilibrio nel conti. Imparai la lezione nel modo peggiore. Bisogna avere disciplina e autocontrollo per riuscirci, ma è necessario per creare una strategia proficua a lungo termine. Non cadere nella tentazione di vedere il conto-tasse come contante da spendere. Se difetti in disciplina, chiedi al tuo consulente finanziario o ad un esperto uno strumento di investimento per quella riserva, in modo da rendere più difficile accedere a quel denaro.

 

3. Non rispettare le scadenze delle fatture.

Questa non è stata un’abitudine regolare fino a che non sono entrato in crisi di liquidità. Gestendo l’attività con bassissima disponibilità economica divenni molto creativo per riuscire a pagare i conti il più tardi possibile. Quando la pila di fatture inevase arrivò ad occupare metà scrivania, mi beccai un bel disturbo del sonno.

 

Non perdi il sonno per aver pagato un paio di conti in ritardo, ma la tua affidabilità creditizia è probabilmente in declino. Pagare i conti in ritardo può diventare la nuova normalità. Il guaio è che con il passare del tempo la tua affidabilità viene meno e l’accesso al credito può essere significativamente compromesso. L’influenza maggiore sulla tua affidabilità creditizia è la cronologia dei pagamenti e anche un solo pagamento mancato può avere impatto sul tuo merito di credito. Invece di archiviare le fatture sulla scrivania o accatastarle su una pila, prendi la buona abitudine di aprire ogni conto e pagarlo il prima possibile.

 

4. Non dare priorità nel flusso di cassa.

Gestire i flussi di denaro è sia una scienza che un’arte. Ed è il segreto per essere imprenditori di successo sul lungo termine. Una sana gestione deve essere la priorità di ogni giorno. La riduzione dei debiti è importante ma lo è anche la creazione di ricchezza, se non di più. Devi essere accorto a non farti ossessionare dal ripagare i debiti e non distruggere la tua creatività e la passione per accrescere gli affari e generare più entrate. Ogni giorno inizia con la passione di contribuire di più, investire di più e creare introiti.

 

5. Trascorrere troppo tempo su cose che non creano denaro.

Le ricerche mostrano che l’80 per cento delle interruzioni a lavoro sono inutili. Ho impiegato qualche anno e provocato fin troppi guai prima di sbarazzarmi della dipendenza da interruzione. In ogni momento ero multitasking. Scrivevo una email e controllavo i messaggi contemporaneamente per tutto il giorno. Potevo anche trascorrere l’intera giornata a mandare email e messaggi avanti e indietro alla stessa persona. O partecipare a riunioni inconcludenti e fare trasferte non necessarie. Adesso silenzio il mio telefono, disabilito le notifiche e resisto dal controllare le email durante le ore in cui genero i guadagni.

 

Il segreto per un business dinamico è la regola 80/20. Identifica le tre o quattro attività del tuo lavoro che producono denaro. Una volta individuate, prendi una nuova abitudine: passa l’80% del tuo orario lavorativo facendo quelle tre o quattro attività. Diventa scrupoloso e disciplinato e guarda crescere l’afflusso di denaro.

 

Sono il tipo di persona che impara le cose sbagliandole in prima persona. Anche se sto migliorando con l’età. Talvolta ripeto lo stesso errore prima di apprendere la lezione. La buona notizia è che una volta capita la lezione, si trasforma in una perla di saggezza eterna che porterò con me per sempre. Il mio consiglio per te è di risparmiare migliaia di euro e di ore lavorative evitando di commettere i miei stessi errori. E avendo letto questo articolo sei già sulla buona strada.

 

 

 

 

LUCA GRASSI Dopo 15 anni come imprenditore nel 2004 inizia la sua formazione con una primaria azienda a carattere nazionale mettendo a frutto una proficua esperienza nel campo della formazione delle risorse umane e consulenza direzionale. Fino a quando nel gennaio 2009 decide di tornare a fare l'imprenditore come Temporary Manager e fonda il progetto CONCORDIA SAS grazie all'unicità di partner e collaboratori che ne determinano la crescita. 

Attualmente formatore ufficiale di Elite Academy.

 

 

 

Se hai trovato questo articolo interessante e devi affrontare un cambiamento nella tua vita, dai un occhio ALLE DATE del mio PROSSIMO CORSO di:

 

"Change Mindset: come cambiare quando cambiare è difficile"

 

 

 

Please reload

Iscriviti al Blog

Rimani sempre aggiornato e formato!

 

ISCRIVITI AL BLOG

Post in evidenza

50 citazioni per ispirarti al meglio

March 25, 2018

1/10
Please reload

Post recenti
Please reload

Cerca per tag