I miei 10 Consigli per presentare in pubblico

January 27, 2017

Come parte del mio lavoro di Allenatore di impresa, sono spesso chiamato a tenere lezioni, seminari e presentazioni. E come la maggior parte delle persone, divento un po' nervoso tutt’ora quando mi trovo sul palco di fronte a delle persone, specialmente a gruppi numerosi, prima che mi sciolga un po'!

 

Alcune persone sono più spaventate dal parlare in pubblico che della morte stessa. Alcune ricerche mostrano infatti, che dover parlare in pubblico è una delle più comuni forme di ansia sociale.

 

Parlare in pubblico è sempre una sfida, anche per gli oratori più esperti. Superare questa paura richiede molti anni di pratica, molti errori e anche alcuni corsi specialistici. Negli anni ho imparato qualche trucco del mestiere per controllare l’ansia, o almeno minimizzarla. Qualunque sia la ragione della presentazione, il tuo unico obiettivo è assicurarti che il messaggio che vuoi veicolare sia presentato in maniera chiara, comprensibile e stimolante.    

Alcuni trovano il modo naturalmente, ma per i più, parlare in pubblico evoca sensazioni di insicurezza. Comunque non tutto è perduto, la sfida di raggiungere ottime presentazioni può essere vinta (o almeno ben giocata).

 

Ecco alcuni consigli da usare prima e durante la tua prossima presentazione.

 

 

1. Dividi in sezioni.

Quando vieni scelto per esporre una presentazione, il tuo livello di ansia può schizzare alle stelle. Pensi “Cosa dirò?” o “Come ne vengo fuori?”. Non lasciare che le paure ti sommergano, dividi il compito in pezzi più piccoli e gestibili. Pensali come i capitoli di un libro: introduci l’argomento, fornisci fino a tre punti principali e finisci con una conclusione soddisfacente. Per evitare di sommergere il pubblico con troppe informazioni, asciuga la presentazione a non più di tre punti focali. Dichiara i tre punti all’inizio e ripetili alla fine. Anche se dimenticheranno la maggior parte di cosa avrai detto, si ricorderanno dei tre punti.

Crea ogni capitolo separatamente e uniscili poi in un’unica presentazione. Cronometrati per assicurarti di non finire il tempo a disposizione.

 

2. Appunti e semplicità.

Per me è più facile presentare qualcosa, quando ho uno schema. Familiarizza ciò che vuoi dire ed evita di leggere gli appunti mentre esponi. Ho imparato che i migliori appunti non sono memorizzati affatto, ma vengono dal cuore. Riguardo allo stile, cerca di tenere la tua presentazione chiara e diretta al punto. Discorsi stravaganti, carichi di fatti e figure o frasi complicate possono sovraccaricare sia te che la tua audience. Si agiteranno, perderanno interesse o si addormenteranno. Se rimani sul semplice, il tuo pubblico sarà più propenso ad acchiappare il messaggio che stai tentando di trasmettere.

 

3. Usa effetti visivi.

Confucio diceva: Ho sentito, e dimenticato. Ho visto, e ricordato. Ho fatto, e compreso. Una presentazione piatta dove parli tutto il tempo non è efficace come una in cui usi effetti visivi, o memorabile come una in cui coinvolgi il pubblico. Molte persone apprendono visivamente, stuzzica i partecipanti con foto, immagini, animazioni, tabelle, grafici e anche oggetti comuni per enfatizzare ed illustrare il punto. Cerca di non esporre una moltitudine di bullet-point nelle tue presentazioni, nessuno presta attenzione dopo tre punti.

 

4. Prova.

Che tu sia un esperto o un principiante non proverai mai abbastanza. Anche gli oratori più esperti si preparano prima di una presentazione. Alcune persone trovano d’aiuto provare di fronte allo specchio; io preparo le mie presentazioni nella testa, facendo la doccia, guidando o sull’aereo diretto all’evento. Ti consiglio di percorrere l’intera presentazione molte volte. Ti aiuterà a trovare ed aggiustare ogni parte che suoni male ed a inserire o rimuovere informazioni dove riterrai opportuno. Se sei alle prime armi con i discorsi in pubblico, chiedi a un amico o collega di assistere alla presentazione e di darti i suoi suggerimenti. Non ha molta importanza quale metodo di preparazione scegli, la cosa fondamentale è che tu conosca l’argomento abbastanza bene da poterlo presentare in maniera naturale. Il più preparato sei, minore sarà l’ansia quando salirai sul palco. Va benissimo prepararsi qualche punto riassuntivo per aiutarti a restare sul binario. Stampali con un formato grande (16 punti o più) così da poterci dare un’occhiata se necessario. Se usi PowerPoint, non farlo essere una stampella. Le slide dovrebbero migliorare la tua presentazione, non offuscarla.      

 

5. Vestiti semplicemente.

Durante una presentazione vuoi che il pubblico si concentri sul tuo messaggio non su cosa indossi. Questo non significa che non dovresti vestirti al meglio. Significa che non dovresti indossare cose che distraggano. Pochi accessori, e assicurati che gli abiti ti stiano bene e non abbiano grinze. Una volta, ascoltando un’oratrice che gesticolava molto, non potei distogliere l’attenzione del suo smalto rosso. Evita le fantasie e troppi colori, la tinta unita è la miglior scelta. Non dimenticarti di vestirti in maniera appropriata per i tuoi interlocutori. Ad esempio, se parlo ad un gruppo di banchieri e assicuratori, mi vesto con un colore scuro, tipo grigio, blue o nero per suscitare autorevolezza. Se parlo al pranzo dell’associazione femminile, sfoggio colori più accesi come il rosa, il viola o il verde così da risultare più affabile.

 

6. Interpella il pubblico.

Una lunga ed asciutta presentazione di fatti induce sicuramente a qualche sbadiglio, quindi considera la presentazione come una conversazione con il pubblico. Trova un modo per far pensare, coinvolgere e farti aiutare a condurre. Fai domande, includi esercizi di team building o chiama volontari sul palco che ti aiutino a spiegare il punto. Le persone stanno attente per un breve periodo di tempo, cerca di fare qualcosa di interattivo ogni 7-10 minuti. Chiedi al gruppo di alzarsi, di battere o alzare le mani e di darti frequenti feedback. E ricorda, qualche battuta di spirito gioca sempre a tuo favore. Queste tattiche renderanno la tua presentazione più facile da ricordare e divertente.

 

7. Muoviti.

Per portare un po’ di vitalità alla presentazione, esci da dietro al tavolo. Sii spontaneo, muoviti sul palco, o cammina attraverso il pubblico. Non aver paura a guardare ogni persona negli occhi. Se per qualche motivo non puoi muoverti, usa le mani, le espressioni facciali e gestuali per rendere il concetto anche visivamente. Più nutrita l’audience più ampi dovrebbero essere i gesti.

 

8. Usa un tono colloquiale.

Nei discorsi migliori viene usato un tono colloquiale. Cerca di non usare un’impostazione da lezione, anche se l’argomento è asciutto, usa esempi della vita quotidiana per mantenere alto l’interesse. Per evitare la noia, racconta le tue esperienze e renderai le cose più interessanti. Arricchendo il messaggio con la tua storia personale sarà più facile per chi ascolta associare le informazioni e ricordarle.

 

9. Onestà.

Prima che un’informazione sia presentata efficacemente, bisogna che tu sia appassionato della materia che presenti. Se non lo sei, il pubblico perde interesse e fiducia in te come presentatore e nell’informazione che stai veicolando.

 

10.Consulta un esperto.

La qualità ed il tono della voce possono avere un impatto positivo o negativo sulla tua presentazione. Segui un corso di public-speaking, registra per audio o video le tue presentazioni e riascoltale o riguardale attentamente per scoprire dove puoi migliorare.

 

 

Nessuno di questi trucchi farà scomparire completamente l’ansia di parlare di fronte ad un pubblico, ma certamente ti daranno la sicurezza e l’abilità per essere un buon presentatore. Come per tutte le cose, più esperienza acquisisci, migliori saranno i risultati. Se fai un errore, non ti agitare, vai avanti e ricorda sempre di essere te stesso e non un’altra versione di qualcun altro. Ma sopratutto, divertiti durante le presentazioni, e gli altri faranno lo stesso. Questi consigli ti metteranno sulla buona strada!

 

Ti ringrazio davvero molto e se hai tempo lascia una tua esperienza diretta da raccontare durante una presentazione nei commenti qui sotto! Grazie!

 

 

LUCA GRASSI Dopo 15 anni come imprenditore nel 2004 inizia la sua formazione con una primaria azienda a carattere nazionale mettendo a frutto una proficua esperienza nel campo della formazione delle risorse umane e consulenza direzionale. Fino a quando nel gennaio 2009 decide di tornare a fare l'imprenditore come Temporary Manager e fonda il progetto CONCORDIA SAS grazie all'unicità di partner e collaboratori che ne determinano la crescita. 

Attualmente formatore ufficiale di Elite Academy.

 

 

Se hai trovato questo articolo interessante iscriviti al blog oppure dai un'occhio ALLE DATE del mio PROSSIMO CORSO di:

 

"HIGH PERFORMANCE PRESENTATION: come convincere il tuo pubblico in 3 minuti"

 

 

 

Please reload

Iscriviti al Blog

Rimani sempre aggiornato e formato!

 

ISCRIVITI AL BLOG

Post in evidenza

50 citazioni per ispirarti al meglio

March 25, 2018

1/10
Please reload

Post recenti
Please reload

Cerca per tag